Supera la quarantena con l'aiuto dell'Aromaterapia e degli oli essenziali

L’argilla è una delle più antiche sostanze terapeutiche, conosciuta fin dai tempi degli Egizi ed utilizzata da Ippocrate, Discoride, Galeno ed Avicenna.

Argilla, conosciamola meglio

L'Argilla è una roccia di natura sedimentaria o vulcanica ed all’interno del regno minerale rappresenta un organismo di grado evoluto, perché non è costituita da un singolo componente, ma da un insieme di oligo-elementi (silice, alluminio, calcio, magnesio, potassio) in misura maggiore ed un’altra serie di minerali (stagno, ferro, piombo, oro ed argento, rame e mercurio) in quantità che potremmo definire omeopatiche, fondamentali per le caratteristiche funzionali dell’argilla stessa. Una caratteristica fondamentale che contraddistingue l'argilla è la sua grassezza e plasticità, che deriva dalla percentuale di silice presente, mai al di sotto del 40%. Questa proprietà sommata alla funzionalità di assorbimento dell’acqua, almeno il 50% del suo peso, rende l'argilla una miscela morbida ed omogenea. Il grande potere emulsionante dell'argilla le permette di legarsi all’acqua (idrofilia), ma anche agli oli (lipofilia).

I termini macinata grossa o macinata fine ci stanno ad indicare il tipo di granulometria dell'argilla stessa. La più impalpabile è l'argilla ventilata, chiamata così proprio per l’ausilio di un ventilatore che separare i grani più grossi dai più fini. Abbiamo vari tipi di argilla, con varianti di colore che spesso dipendono dalla prevalenza di un componente rispetto ad un altro.

L'Argilla e le sue proprietà osmotiche

Dal punto di vista fisico l'argilla ha un grosso potere assorbente e filtrante, ha un pH neutro ed è assolutamente sterile. Ha una particolare affinità con la pelle, applicata la rende permeabile fino a rendere possibili degli scambi tra interno ed esterno (osmosi). L’argilla rilascia tutte le sue sostanze attive ed assorbe le tossine che la pelle le cede, ecco perché  non può essere riutilizzata. Riesce ad assorbire qualsiasi elemento sia esso di natura liquida, gassosa o energetica. Attraverso l’osmosi, tramite l’applicazione cutanea, l'argilla ha le seguenti funzionalità:

Assorbimento. L’assorbimento è la fissazione di un liquido o di un gas all’interno dell’argilla. La capacità assorbente le permette di attrarre fuori dal corpo molecole o microrganismi indesiderati, questo grazie ai suoi ioni che modificano gli scambi intracellulari.

Stimolante. Grazie agli oligo-elementi l'argilla ha un’azione riequilibrante e stimolante dei tessuti.

Remineralizzante. Sempre grazie alla sua caratteristica composizione chimica.

Tonificante. Grazie alla stimolazione sulla rigenerazione tissutale.

Depurativa. Per la sua azione drenante e detossinante.

Lenitiva. Attenua arrossamenti, irritazioni e fastidi.

Coprente. Forma un film sulla superficie cutanea. Questo è utile nell’uso in sinergia con gli oli essenziali, perché ne evita l’evaporazione e permette un facile assorbimento per l’effetto occlusivo.

Argilla Verde, come utilizzarla

Per la preparazione la quantità di argilla sia verde che bianca, varia a secondo l’area da trattare; la regola base è che bisogna aggiungere dell’acqua versandola lentamente e mescolandola fino ad ottenere una pasta morbida ed omogenea, la consistenza di un dentifricio. La pasta di argilla si spalma poi sulla zona con una spatola o con un pennello: sul corpo lo strato deve essere di uno spessore di circa mezzo centimetro, sul viso la metà o anche meno.

I tempi di posa variano, a volte si lascia anche alcune ore, ma il minimo consigliato è almeno di 45 minuti e possibilmente occluso da una pellicola così da permettere un maggiore assorbimento. Dopo il tempo necessario l’argilla si sciacqua via senza usare detergenti che toglierebbero il leggero film che rimane sulla pelle.

Gli impacchi di argilla verde sono utili per arrossamenti, irritazioni e fastidi articolari ed anche in sostituzione delle alghe per impacchi contro l'effetto buccia d'arancia. Gli oli essenziali più indicati sono l'olio essenziale di di zenzero (Zingiber officinale) per lenire i fastidi reumatici, olio essenziale di maggiorana (Origanum majorana) per contratture muscolari, olio essenziale di incenso (Boswellia serrata) per il benessere delle articolari, olio essenziale di ginepro (Juniperus communis) benefico contro l'effetto buccia d'arancia. Si aggiungono dalle 10 alle 20 gocce (totali se si usa più di un olio essenziale) a seconda della zona da trattare.

Per aiutare il drenaggio delle tossine, decongestionando e incentivando il processo di ricambio dei tessuti ottimo è anche il bagno argilloso, sia per il corpo che per pediluvi e maniluvi. Si prepara un pasta di argilla con uno a tre cucchiai diluiti e 10/15 gocce di oli essenziali. Si miscela bene e si scioglie in acqua. Bisogna stare in ammollo almeno 20/30 minuti e poi si sciacqua. Alla vista non è molto invitante ma è veramente efficace.

Laura Savo

Seguici su

Cara Lettrice  e Caro Lettore,

sono Lady FLORA, la fanciulla che versa i profumi, dea della cosmesi naturale, che con passione, cura e concentrazione miscelo tra loro i preziosi oli essenziali. Sono la redattrice degli articoli di questo blog, che scrivo con amore e dedizione con lo scopo di diffondere la cultura dell'Aromaterapia e dell'uso di prodotti naturali per la cura e il benessere della persona, fisico, emotivo e mentale. Ti ringrazio per l'attenzione che dedichi alle mie pagine, se vuoi puoi scrivermi a ladyflora@flora.bio, sarò felice di risponderti. 

Comments (0)

Product added to wishlist
Product added to compare.