Olio essenziale di niaouli, la Melaleuca da riscoprire

Spesso si sente indicare l’olio essenziale di albero del tè (o tea tree) anche con il nome di Melaleuca. In realtà con la parola Melaleuca si intende un genere di piante della famiglia delle Mirtaceae, particolarmente diffuso in Oceania, il cui rappresentante più famoso è l’albero del tè. A questo genere però appartengono diverse specie: scopriamo oggi, insieme, il niaouli.

Niaouli: un tuffo nella storia

In realtà si parla di un tuffo nella storia ma anche nella geografia. Ci dirigiamo infatti dall’altra parte del mondo, nella paradisiaca Antica Caledonia, dove il niaouli cresce spontaneamente, raggiungendo anche l’altezza di 2 metri. È uno degli emblemi della Nuova Caledonia e i Kanak vi sono ancora molto legati. Tradizionalmente un'infusione di foglie di niaouli veniva utilizzata per lavare bambini e malati e il loro decotto per combattere le infezioni. Il niaouli trovava inoltre impiego per curare i bronchi e il tratto urinario.  Nelle tribù, i Kanak lo usavano anche per la costruzione. In effetti,  la corteccia dell'albero del niaouli è un materiale molto ricercato: la "pelle" di niaouli è usata per rivestire le pareti e i tetti delle capanne. Nell’antichità, dopo la nascita, era consuetudine avvolgere i bambini nella sua corteccia per proteggerli e dargli forza.

Nel 1861, il Monitor riferì la presentazione di un campione di olio "niaouli" alla mostra di Londra che Victor de Rochas descrisse come "di colore giallo chiaro più leggero dell'acqua, analogo a una miscela di trementina, canfora, menta piperita”. Oggi è ancora usato dai Kanak della Nuova Caledonia per purificare l'acqua e guarire dolori quotidiani.

Olio essenziale di niaouli: conosciamolo meglio

  • Nome botanico: Melaleuca viridiflora
  • Parte di pianta utilizzata: Foglie
  • Chemotipo: 1,8-cineolo, α-pinene
  • Nota aromatica: Testa
  • Profumo: Canforaceo, dolce e fresco
  • Metodo di estrazione: Distillazione per corrente di vapore
  • Per ottenere 1 kg di olio essenziale servono circa 44 kg di foglie.

Olio essenziale di niaouli: uso cosmetico

L'olio essenziale di niaouli è molto adatto per il trattamento di pelle acneica e impura, per la sua azione riequilibrante e rigenerante.

  • 100 ml di olio vegetale di jojoba (Simmondsia chinensis),
  • 5 gocce di olio essenziale di niaouli, 
  • 5 gocce di olio essenziale di citronella (Cymbopogon nardus),
  • 3 gocce di olio essenziale di cisto (Cistus ladanifer)
  • 7 gocce di olio essenziale di lavanda (Lavandula officinalis

Applicare questo olio alla sera, dopo la quotidiana detersione della pelle del viso.

L'olio di jojoba ha un alto potere protettivo ed emolliente sulle cellule della pelle. Nutre la pelle secca e depura quella grassa in modo molto equilibrato, l'olio essenziale di citronella si è dimostrato molto attivo nel contrastare l’acne, il cisto è astringente e dermopurificante, ottimo per l’acne e alterazioni della pelle, come la seborrea. Inoltre ossigena i tessuti della pelle, rivitalizzandola. Infine l'olio essenziale di lavanda è utile per la sua azione lenitiva e disarrossante.

Aromaterapia olistica: la chiave per il cambiamento.

L'olio essenziale di niaouli ha un forte potere rafforzante e tonificante, a livello psichico, fisico e spirituale. Favorisce l’apertura verso l’altro, riducendo i sentimenti di indifferenza. È adatto a tutti coloro che vivono saldamente ancorati alle proprie abitudini e che non trovano mai la spinta per aprirsi verso il nuovo, il diverso, ma anche a coloro che sono incapaci di adattarsi ai cambiamenti che gli accadono nella vita. 

Miscela “Apriti al mondo”

  • 10 gocce di olio essenziale di niaouli 
  • 5 gocce di olio essenziale di cedro legno (Cedrus atlantica): è ottimo in caso di transizioni, quando si passa dal “vecchio” al “nuovo” perché svolge un’azione equilibrante.
  • 10 gocce di olio essenziale di bergamotto (Citrus bergamia): l’olio del sorriso! Favorisce il buonumore, aumenta la fiducia in se stessi e stimola la vitalità. Attenua gli squilibri emotivi e quindi è perfetto per guardare al futuro e al cambiamento con positività, cercando di cogliere tutto come nuova opportunità di crescita.

Mettere 4-5 gocce della miscela così preparata in un diffusore per aromi e beneficiare dell’effetto aromaterapico degli oli essenziali.

In caso di difficoltà o in momenti particolarmente difficili mettere 1-2 gocce di olio essenziale di niaouli su un fazzolettino di cotone e inspirare l’aroma per essere pervasi da nuova forza e positività.

Aromaterapia scientifica: prezioso alleato invernale.

L’olio essenziale di niaouli è noto anche come gomenolo o olio gomenolato, da Gomen, la città dove venne inizialmente distillato. Il gomenolo è un medicamento molto antico, il suo brevetto risale addirittura al 1892: si trattava di un olio essenziale parzialmente deterpenato, che veniva consigliato per il trattamento degli stati congestizi delle vie aeree superiori.  L’olio essenziale di niaouli, grazie all’elevato contenuto in 1.8-cineolo (noto anche come eucaliptolo), è un ottimo balsamico. Pertanto lo si può utilizzare in suffumigi invernali come coadiuvante in caso di costipazione.

Suffumigi balsamici, la freschezza “a portata di naso”

In una bacinella d’acqua calda aggiungere 

  • 10 gocce di olio essenziale di niaouli
  • 5 gocce di olio essenziale di mirto (Myrtus communis), noto per il suo effetto balsamico e per la sua azione di favorire la fluidità delle secrezioni bronchiali
  • 5 gocce di olio essenziale di lavanda vera (Lavandula officinalis) per la sua azione rilassante

Inspirare i vapori esalati dalla bacinella, interrompendo di tanto in tanto, finchè l’acqua non sprigionerà più vapore.

Bibliografia:

  • Aromaterapia ieri oggi domani – L. Paoluzzi. Morphema editrice
  • Gli oli essenziali oggi – P. Campagna.  Edizioni FLORA
  • Profumi di benessere – L. Savo. Daigo press
  • Prontuario di aromaterapia - F. Nocentini. Daigo Press
  • www.biodiversite.nc

Seguici su

Cara Lettrice  e Caro Lettore,

sono Lady FLORA, la fanciulla che versa i profumi, dea della cosmesi naturale, che con passione, cura e concentrazione miscelo tra loro i preziosi oli essenziali. Sono la redattrice degli articoli di questo blog, che scrivo con amore e dedizione con lo scopo di diffondere la cultura dell'Aromaterapia e dell'uso di prodotti naturali per la cura e il benessere della persona, fisico, emotivo e mentale. Ti ringrazio per l'attenzione che dedichi alle mie pagine, se vuoi puoi scrivermi a ladyflora@flora.bio, sarò felice di risponderti. 

Comments (0)

Product added to wishlist
Product added to compare.